Stampa
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

La Bibbia con i Lego: la via per trovare Dio?

Chi di noi non conosce i mattoni di lego, chi non ha giocato con essi?

Sono un gioco che ancora oggi, nonostante lo sviluppo dei giochi virtuali e tecnologici, non ha perso il suo fascino, neanche per gli adulti. Esistono addirittura, in diversi paesi, dei grandi parco giochi, i cosiddetti Legoland, nei quali persone ed edifici vengono rappresentati con i famosi mattoni, e dove grandi e piccoli si divertono.

Anche Brendan Powell Smith, un 40enne Webdesigner della California, è stato "contagiato" dalla passione dei Lego e si sta impegnando in un progetto veramente particolare: sta creando una "Bibbia online". Usando i Lego per creare gli ambienti e i personaggi racconta, o più precisamente, rappresenta, episodi della Genesi, le guerre dell’Antico Testamento, la vita di Gesù, e gli insegnamenti di Paolo tratti dalle sue lettere. Con infinita pazienza Powell Smith dopo aver realizzato le diverse scene, le ha poi fotografate e infine pubblicate su Internet. Sotto ogni foto si trova il versetto biblico corrispondente, e a volte i personaggi "parlano" attraverso i fumetti.

Fino ad oggi Smith ha raffigurato 400 episodi della Bibbia con più di 3600 immagini che possono essere ammirate all’indirizzo  www.thebricktestament.com. Un progetto che all’autore è costato molto tempo e denaro: in due anni ha speso più di 10.000 Euro. Ha fatto di nuovo parlare di sé, dopo che un giornale tedesco gli ha dedicato un articolo, il cui titolo chiedeva: "Si tratta di blasfemia o di un metodo attuale di proclamare la fede?"

Le risposte che i giornalisti a questo proposito hanno ricevuto sono molto varie, vanno da manifestazioni di entusiasmo, al consiglio di non entrare nel sito. Opinioni abbastanza divise, insomma… Interessante sembra soprattutto un commento su Internet che parla de "La via per trovare Dio, mattone per mattone".

le buone L’uomo da sempre è alla ricerca di Dio, cerca di arrivare a Lui tramite riti e credi vari, o attraverso opere….

Ma come mai lo cerca? Qual è il motivo?

Dalla Bibbia sappiamo che all’inizio della creazione l’uomo non aveva nessun motivo per cercare Dio, perché viveva in intima comunione con Lui, infatti la Scrittura ci dice che l’uomo è stato fatto "all’immagine di Dio", "conforme alla sua somiglianza" (Genesi 1:26) Però, purtroppo, questo rapporto meraviglioso è stato rotto dal peccato, e di conseguenza, da allora in poi, ogni uomo, senza eccezione, è lontano da Dio, separato da Lui. Ma siccome è creato per vivere in comunione con Dio, non riesce a farne a meno, e ha dentro, che lo ammetta o meno, un profondo desiderio di Dio, perché è solo in Lui che l’uomo può trovare il vero senso della sua vita. Nonostante tutto l’impegno, però, nessun essere umano è mai riuscito ad arrivare a Dio con le sue sole forze, non ha mai trovato la giusta via!

il profeta Isaia ce lo conferma:

"Ecco, la mano del SIGNORE non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi, per non darvi più ascolto. Le vostre mani infatti sono contaminate dal sangue, le vostre dita dall'iniquità; le vostre labbra proferiscono menzogna, la vostra lingua sussurra perversità. Nessuno muove causa con giustizia, nessuno la discute con verità; si appoggiano su ciò che non è, dicono menzogne, concepiscono il male, partoriscono l'iniquità." (Isaia 59:1-4)

Nonostante tutti gli sforzi, ogni uomo è, e rimane, peccatore e perciò non si può avvicinare al Dio santo!

Nell’Antico Testamento ci viene anche raccontata la storia di Giobbe che cercava addirittura di discutere con Dio, e che poi però ha dovuto fare questa ammissione:

"Io riconosco che tu puoi tutto e che nulla può impedirti di eseguire un tuo disegno. Chi è colui che senza intelligenza offusca il tuo disegno? Sì, ne ho parlato; ma non lo capivo; sono cose per me troppo meravigliose e io non le conosco." (Giobbe 42:2-3)

Dio, il Dio onnipotente ed eterno è troppo grande per essere compreso dai noi uomini, non arriveremo mai a capirlo, Egli è troppo grande per noi!

L’idea di Powell Smith, allora, è l’aiuto giusto per arrivare a Dio, ha davvero scoperto la via per trovarLo? Se rendiamo Dio più piccolo, informa di semplici mattoni Lego, allora possiamo forse raggiungerLo?

NoNeanche in questo modo è possibile. Esiste una sola via per arrivare a Dio, ed essa non è stata creata da ! nessun uomo, ma da Dio stesso. E’ Suo Figlio Gesù Cristo che un giorno ha detto:

"Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Giovanni 14:6)

Gesù è la via, Lui ci fa arrivare al Padre!

Egli è diventato uomo, in Lui Dio si è abbassato al nostro livello! Siccome l’uomo non poteva arrivare a Dio, Egli ci è venuto incontro, ha rinunciato alla Sua grandezza e si è abbassato fino a noi. Così è diventato "comprensibile" per ogni uomo!

Gesù ha tolto l’ostacolo più grande: il peccato. Egli ha pagato per esso morendo sulla croce. Perciò offre il perdono anche a te, se solo Glielo chiedi e accetti il Suo dono.

Allora avrai libero accesso a Dio!

Se stai ancora cercando la via per trovare Dio, non accontentarti di una religione o di riti, e neanche con un giocatolo…. ma vai a Gesù!

 



Condizioni d'uso
- È permesso l'utilizzo dell'articolo su siti e testate, purché:
- il testo venga mantenuto nella sua forma integrale,
- in calce compaia la dicitura "fonte: www.radiovitanuova.org".
A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.