PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Il ritrovamento è di quelli che fanno...

Così esordì un articolo apparso sul Messaggero… ma quale è questo avvenimento così importante da fare gridare al miracolo? La notizia presentata per la prima volta al telegiornale, il giorno dopo viene ribadita ancora, e quindi si tratta di qualcosa certamente importante…!

Ed ecco la notizia: ...

“Ritrovati cinquecento nastri inediti dei Beatles. Si tratta di incisioni di grande valore, che contengono brani per un disco mai realizzato. I nastri e le cassette erano stati rubati negli anni Settanta e la polizia inglese li ha recuperati a Londra. Si tratterebbe, secondo Scotland Yard, delle registrazioni effettuate in quelle che gli appassionati del quartetto di Liverpool conoscono come le Get Back Sessions, dalle quali doveva uscire fuori nel 1969 un album. Il progetto fu abbandonato per divergenze interne alla band, che stava per sciogliersi.”

Stiamo parlando dei BEATLES! I famosi ragazzi di Liverpool che rivoluzionarono il mondo con la loro musica negli anni sessanta… e chi non se li ricorda? Persino la regina Elisabetta si sentì in dovere di conferirgli un titolo nobiliare…come si dice? Quando ci vuole, ci vuole!

Chi ha vissuto in quegli anni, non può non ricordare, le folle di ragazzi che attratti dalla loro musica, intervenivano ai loro concerti. Le loro urla isteriche, ti facevano sorgere tanti interrogativi sul perché provocavano una simile reazione emotiva (e possiamo dire che fosse solo emotiva?) Eppure mentre riuscivano a suscitare nei giovani, e non solo, tante emozioni, i “quattro”, proprio mentre facevano quelle registrazioni, si stavano sciogliendo… coloro che erano diventati una ragione di vita per tanti, non avevano trovato in loro stessi, né nella loro musica, la motivazione per riuscire a portare avanti, malgrado le difficoltà, il loro progetto così importante!!!

L’articolo continua dicendo:“…anche se i più informati collezionisti di rarità già ne conoscevano l’esistenza da decenni. La notizia comunque non è certo da buttare: la solerte polizia inglese ha recuperato a Londra circa cinquecento nastri inediti dei Beatles, nastri e cassette rubati nei lontani anni Settanta e dei quali si era persa ogni traccia. Completano il bottino delle forze dell’ordine britanniche, sei persone arrestate, due a Londra e altre quattro intercettate dalle parti di Amsterdam…

Dopo tanti anni, si ritrovano delle registrazioni rubate negli anni settanta, come lo possiamo chiamare, un colpo di fortuna?

Certamente se il contenuto è autentico è un guadagno per i fans del quartetto, per coloro che hanno fatto di loro una ragione di vita. ” La soluzione, dice ancora il giornale, per ora, è una sola: aspettare di vedere che cosa c’è davvero, dentro a quei 500 presunti nastri miracolo… “

I nastri miracolo!

Da millenni l’uomo cerca una ragione di vita, uno scopo, qualcosa a cui aggrapparsi per dare un senso alla propria esistenza

Da millenni, e precisamente dal momento in cui ha perso la vera ragione di vita.

Da millenni cerca dovunque tranne lì dove la può trovare

“Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.” Giovanni 10:10

Così ha detto Gesù, e il suo invito fatto duemila anni fa è ancora valido tutt’ora:
“Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo” (Matteo 11:28)

Ma quanti ascoltano e accolgono il Suo invito?

“…eppure non volete venire a me per aver la vita!” Questa era la sconsolata considerazione che Gesù fece, nel vedere come la maggior parte delle persone, pur avendo estremo bisogno di Lui, non volevano accettare la grazia della Vita che solo LUI può dare.

“È meglio rifugiarsi nel SIGNORE che confidare nell'uomo; è meglio rifugiarsi nel SIGNORE che confidare nei prìncipi. Salmi 118:8-9

“ Non confidate nei prìncipi, né in alcun figlio d'uomo, che non può salvare. Il suo fiato se ne va, ed egli ritorna alla sua terra; in quel giorno periscono i suoi progetti.
Beato colui che ha per aiuto il Dio di Giacobbe e la cui speranza è nel SIGNORE, suo Dio” Salmi 146:3-5

Proprio in quei giorni, a Roma, c’era l’attore Leonardo Di Caprio. Un intervistatore ha chiesto ad una ragazza che era in trepidante attesa di poterlo vedere: Che cosa è per te Leonardo? La sua risposta è stata: è tutto per me! Che tristezza vedere persone mettere la proprio fiducia in chi NON PUO’ dare LA VITA, mentre il Signore è li con le braccia tese, per molti inutilmente, ripetendo il SUO dolce invito VENITE A ME!

Così parla il SIGNORE:

Maledetto l'uomo che confida nell'uomo
e fa della carne il suo braccio,
e il cui cuore si allontana dal SIGNORE!

Egli è come una tamerice nel deserto:
quando giunge il bene, egli non lo vede;
abita in luoghi aridi, nel deserto,
in terra salata, senza abitanti.

Benedetto l'uomo che confida nel SIGNORE,
per cui il SIGNORE è la sua fiducia.
Egli è come un albero piantato vicino all'acqua,
che distende le sue radici lungo il fiume;
non si accorge quando viene la calura e il suo fogliame rimane
nell'anno della siccità non è in affanno e non cessa di portar frutto”
Geremia 17:5-8



Condizioni d'uso
- È permesso l'utilizzo dell'articolo su siti e testate, purché:
- il testo venga mantenuto nella sua forma integrale,
- in calce compaia la dicitura "fonte: www.radiovitanuova.org".
A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.